Vota a sinistra, fallo per la rete

manifestoUn voto per la rete. Perché no? Se siete a corto di motivazioni per andare ai seggi il 6 e 7 giugno eccone una: il prossimo Parlamento sarà decisivo per il futuro dell’internet europea. Se lo spettacolo di una sinistra che marcia divisa vi induce a restare a casa, pensateci. In tutta probabilità toccherà alla nuova assemblea delineare i principi che regoleranno il diritto di accesso al network e la libertà di espressione online. Una simile posta in gioco merita un piccolo sforzo.

Ma perché il Parlamento che verrà sarà così importante? La ragione è racchiusa in due parole: Pacchetto Telecom. Ovvero un complesso di norme concepito per dare un indirizzo al futuro delle telecomunicazioni continentali. Salvo sorprese dell’ultima ora, saranno i nuovi eletti a decidere sulla sorte del progetto. L’assemblea uscente si è espressa in proposito lo scorso 6 maggio. Anche grazie alla mobilitazione degli attivisti, ha votato un emendamento sui diritti degli utenti (il 138/46) sgradito ai governi nazionali che, in sede di Consiglio dei ministri europei, avevano proposto una versione annacquata della norma.

Tanto per dare un’idea dello sgarbo, il provvedimento impone la decisione di un giudice per la disconnessione forzata di un utente da internet. Principio di buon senso, ma contrario a quanto previsto dalla controversa legge anti-pirateria voluta da Sarkozy e votata dal parlamento francese il 12 maggio. Se il 138/46 diventerà legge sarà un brutto colpo per le aspirazioni punitive del presidente transalpino e dei suoi ammiratori nel resto d’Europa. Per questa ragione il 12 giugno prossimo il Consiglio – che a rigore potrebbe accettare il pacchetto così come è – opterà quasi certamente per un nuovo processo di conciliazione. …E dunque la negoziazione (la procedure legislative Ue prevedono l’intesa tra Parlamento e Consiglio) spetterà ai nuovi rappresentanti. Potranno confermare il guizzo di indipendenza dei colleghi e considerare l’accesso a internet un diritto inalienabile, oppure cedere ai governi nazionali sobillati dalle lobby. Dovranno poi, sempre nell’ambito del Pacchetto Telecom, pronunciarsi sulla possibilità dei fornitori di connettività di controllare e gestire il traffico di dati creando corsie preferenziali per determinati contenuti. Una prospettiva che mette a rischio uno dei fondamenti dell’internet: la neutralità del network.

Ecco perché vale la pena di andare a votare. Magari tenendo conto del passato. In occasione del pronunciamento del 6 maggio, il sito di attivisti francesi la Quadrature du Net ha monitorato i voti sugli emendamenti “caldi” per la libertà della rete e ha elaborato una classifica. Risultato: i più strenui difensori dei diritti online sono stati i gruppi della Sinistra unita europea e dei Verdi. Contraddittorio il comportamento dei socialisti, pessimo quello dei popolari (il punteggio degli italiani è qui).

Morale: ancora una volta, puntiamo sul rosso. In mancanza d’altro, facciamolo per la rete.

Articolo pubblicato su Chips&Salsa-Il Manifesto del 30 maggio 2009

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...