Sommario Chips&Salsa – 28 febbraio 2008

Oggi, come ogni giovedì, è in edicola con il manifesto Chips&Salsa, inserto settimanale di tecnologie realizzato da Totem e il manifesto.

Ecco di che cosa si parla:

Hollywood e la via del web, Raffaele Mastrolonardo

Negli Stati Uniti gli incassi al botteghino sono fermi, e nel 2007 i proventi dei dvd (che valgono più del doppio di quelli dei biglietti nelle sale) sono calati per la prima volta in 8 anni. Nel frattempo, i grandi canali televisivi puntano sui reality e l’ultima speranza del settore, i dischi ad alta definizione, è ancora a un livello di diffusione embrionale. Che fare allora? L’Economist ha un suggerimento: prendere sul serio internet

L’invasione degli ultra-piccoli, Carola Frediani

Le nanotecnologie riempiono i negozi ma poco si sa dei loro rischi. In Europa e in America i ricercatori si interrogano sulle possibili conseguenze della manipolazione della materia a livello atomico. E mentre Bruxelles fa i primi passi, i consumatori restano perlopiù inconsapevoli.

La via bolivariana alla società dell’informazione, Marco Trotta

Software libero e sovranità nazionale sulle tecnologie. In Venezuela il socialismo passa anche dalla rivoluzione digitale. Senza dimenticare la lezione di Allende.

E a Genova si alleva il robot open source, Alessandra Carboni

Piccolo e sofisticato, italiano e “aperto”, iCub sta crescendo nei laboratori dell’Iit del capoluogo ligure. Progettato per non smettere di imparare, punta tutto sulla condivisione per sconfiggere i ricchi colossi del settore.

Apro o non apro? Il dilemma di Microsoft, Raffaele Mastrolonardo

Il colosso del software annuncia: programmi più aperti e interoperabilità. Il mondo open è scettico, la Ue pure. Ma qualcosa, in fondo, è davvero cambiato.

E ancora:

MEDIA – In diretta sul peer-to-peer, Gabriele De Palma

VERSO IL 13 APRILE – Il web ti dice chi vince, Valentina Tubino

COMUNICAZIONE – La presentazione diventa minimal, Marina Rossi